domenica 27 dicembre 2015

CITTA' IN SALUTE?

E’ oltremodo grave quanto sta accadendo in questi giorni nelle nostre città. Stiamo letteralmente soffocando nello smog con conseguenze per la nostra salute, immediate e quello che preoccupa di più, future e che oggi facciamo fatica a quantificare esattamente. L’assenza di vento, pioggia e neve, anche sui nostri rilievi montani, oltre che a provocare siccità di fiumi e laghi, altera l’equilibrio delle sementi che dovrebbero riposare sotto la neve e riempie di pulviscolo da black carbon, Ozono e CO2 le nostre aree metropolitane, a dimostrrazione che per quanto si siano fatte delle azioni di contenimento delle emissioni, occorre fare di più, molto di più. Forse questa drammatica situazione ha un solo risvolto positivo, quello della consapevolezza generalizzata, si spera,dei rischi per la salute nostre e soprattutto dei nostri bambini. Forse, dopo che ci siano per un attimo beati del bel sole che ci permette di passeggiare in maniche di camicia o tuttalpiù con una giacca, ci renderemo conto che i pazzi ambientalisti, che gli scienziati dell’IPCC, avevano previsto il giusto, senza allarmismi eccessivi. E’ tempo di corresponsabilizzazione e di azioni concrete,ed intanto le zanzare si nutrono del nostro sangue.

domenica 20 dicembre 2015

ISPRA Rapporto sull'Inquinamento in Città. Leggere con attenzione

E’ stato pubblicato il 16 Dicembre u.s.il rapporto sullo stato dell’ambiente nelle nostre città. Allego con un link il Comunicato stampa. Oggi voglio soffermarmi sul concetto che l’inquinameto urbano, come quello delle principali zone industriali ad elevato traffico veicolare è anche pericolosamente dovuto alle particelle piccole, fini, ultrafini e se crediamo che la battaglia per la tutela della nostra salute, sia solo quella del contenimento della CO2 abbiamo sbagliato e di grosso. Il particolato, questo il nome scientifico delle polveri o delle particelle che possono avere diametri diversi dai 10 micron ( le più misurate) ai 2,5, 1 sino alle nanoparticelle. Poche centraline che rilevano l’inquinamento nelle nostre città, sono attrezzate per misurare anche quelle più piccole, che con maggiore facilità penetrano nel nostro organismo arrivando sino al sangue. In esse, seppur in minima percentuale si trovano gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), che hanno un effetto cancerogeno certo. leggi il comunicato stampa dell’ISPRA