domenica 31 agosto 2014

ATTACCO AL PRINCIPE

Ci stanno provando proprio un pò tutti ad attaccare, chi con battute, chi con copertine sarcastiche, chi con mezze frasi buttate lì, il Primo Ministro Italianao Matteo Renzi. I commenti non proprio positivi dell'ex Bersani a proposito del bonus di 80 euro, la copertina con il gelato in mano dell'Economist e qualche risultato mancato, come per il disegno legge sulla scuola, stanno a segnalare che c'è una fronda che altro non aspetta se non il tonfo del Premier.Lui lo sa e si tiene pronto a nuove elezioni rinfacciando al Parlamento ed agli alleati di non aver voluto Riformare l'Italia. In sostanza se non si faranno le riforme è colpa degli altri ed allora è meglio cambiare questo Parlamento e questa maggioranza. Potrebbe essere una mossa azzecata che potrebbe portare il PD oltre il 40,5% europeo, ma anche un azzardo, che però piace. Intanto l'Italia è ufficialmente in deflazione, con un arretramento dei prezzi, una gravissima disoccupazione ed un Paese sostanzialmente fermo. Aggiungo che non è stato felice annunciare e non far seguire la manovra di prelievo dalle "Pensioni d'Oro" al fine di investire in politiche sociali di sostegno ai giovani, ai disoccupati ed alle fasce più deboli.La politica non può essere solo battute o annunci, deve essere fatti ed al Presidente Renzi spetta uno dei compiti più difficili dal dopoguerra ad oggi, far ripartire un Paese corrotto, che non ha nessuna voglia di cambiare delle abitudini consolidate a favore di una serie di lobby di potere e di opinione che possono fare la fortuna o la disgrazia di chi le segue. Uno scoglio durissimo sarà poi la Legge di Riforma della Giustizia molto mal vista da una consistente parte della Magistratura. Pannella si sgola nel ribadire come sia necessario contemporaneamente una amnistia ed un indulto per ridare dignità e libertà a migliaia di persone detenute in attesa di giudizio spesso in condizioni invivibili, accumunando in questo carcerati e guardie. L'Autunno prossimo ci dirà come andrà a finire, intanto Renzi sta per incassare il si al Ministro Mogherini in Europa liberando così un posto nel Governo per qualche altra/o fidato o neo adepto renziano. A tal proposito è aperto il toto nomine

martedì 26 agosto 2014

LE FERIE SON FINITE, SI TORNA A LAVORARE. TORINOVIVA SI RITROVA

E si anche per quest'anno le ferie son finite. 15 giorni di relax lontano da tutti, utili per rilassarsi ed anche per buone letture e riflessioni. Con alcuni amici che ho già rivisto o sentito, abbiamo pensato utile una riunione generale di tutte le amiche e gli amici che in questi anni hanno condiviso più o meno attivamente l'attività di TorinoViva. Pertanto vi aspetto Giovedì 4 Settembre presso la sede dei Moderati di via XX Settembre 9 alle ore 17.30 per una chiacchierata, operativa sul da farsi in vista di scadenze elettorali (Moncalieri, Torino.......), per valutare insieme un ampliamento delle nostre amicizie e collaborazioni, iniziare a pensare al Convegno di Moncalieri con l'assessore Rampanti, informarvi sugli sviluppi del Consorzio PiemonteJazz a cui aderiamo, varie ed eventuali proposte. Invito tutte e tutti a non mancare. E' importante esserci per ripartire bene e meglio. Grazie, vi aspetto. Un abbraccio a tutte e tutti

domenica 24 agosto 2014

Da Leon a Santiago di Compostela Di Giorgio Diaferia

Questo vuole essere il mio contributo all'iniziativa della nostra Redazione sul viaggiare. Quest'estate ho deciso di andare con mia sorella, moglie e cognato a visitare la Galizia , meravigliosa regione nel NO della Spagna ricca di chiese, monasteri , castelli, verdi canyon e boschi stupendi. Il percorso segue una parte del "cammino" che da Roncisvalle porta i pellegrini di tutto il mondo sino al Santuario di Compostela, lungo un tragitto di circa 800 km.La Cattedrale e`davvero imponente e questa massa di persone che la visitano tutto il giorno,alcuni in condizioni davvero critiche, e' davvero impressionante. Tra le mete del giro della Galizia non posso non segnalare "Las Medulas" dove rimangono i resti delle miniere d' oro dei Romani, testimoniati da colline di pietra scavata. E' stata poi la volta di Pontferrada, della Riviera Sacra e di una navigazione in battello, Monforte de Lemos.Il viaggio e' proseguito sino a Sober, poi Orense, Ribadavia per finire a Sam Paio. E poi la splendida baia oceanica di Bajona, poi ancora Combarro, Cambados ed infine Santiago, a far richiesta, i pellegrini, della conchiglia e dell'attestato che certifica l'avvenuto pellegrinaggio,tra moda e fede sincera.Alla fine del viaggio 1 settimana a visitare Fuerteventura nelle Canarie. Un clima ed un paesaggio unico. Importante neo una quantità di "ecomostri" proprio in riva all'Oceano, alcuni fatiscenti e in via di rapido decadimento, che non fanno fare bella figura all'amministrazione locale.